La polemica continua tra Adriana Volpe e Giancarlo Magalli: parla Alba Parietti

Non si placano i battibecchi tra Adriana Volpe e Giancarlo Magalli, nelle ultime ore infatti l’inviato di Striscia la Notizia, Valerio Staffelli, ha consegnato il tapiro d’oro a Magalli proprio a causa dei litigi con Adriana Volpe.

A quanto pare però, davanti alle telecamere di Striscia, Magalli ha lasciato intendere di avere l’intenzione di smetterla con i litigi, ha infatti affermato: “Forse, svelando la mia età,  voleva insinuare che è ora che io mi ritiri e la lasci sola. Mi dispiace, le ho chiesto scusa, m’è scappata una parola un pochino così, forse se avessi detto ‘rompiscatole’ passava meglio…Non è che un marito che dice ‘brontolona’ alla moglie offende tutte le donne, offende la moglie”.

Adriana però ha subito smentito le parole di Magalli, postando il seguente messaggio su Instagram: “A Striscia la notizia è riuscito a dire che mi ha chiesto scusa, FALSO !!! Non ha mai chiesto scusa, anzi oggi ha negato le scuse , nonostante tutti al lavoro avessero esortato a farlo, e mi ha visto uscire dalla Rai in lacrime!”.

A quanto pare, tra i due si è intromessa Alba Parietti, schierandosi dalla parte di Magalli: “Posso dire una cosa …. non entro nel contesto del pretesto per creare un caso che non c’è. Ma io voglio molto bene a Giancarlo Magalli lo considero simpatico super professionale e molto intelligente. Da donna non mi sento offesa per una battuta di cui per altro si è’ scusato e trovo che non abbia fatto nulla di così grave, sopratutto perché amo molto moltissimo svegliarmi la mattina e sentire le sue acute e divertenti anche raffinate battute. E in quel programma lui è’ davvero speciale.”

La Parietti ha poi concluso dicendo: “Un momento di nervosismo di un grande come lui , dovrebbe essere sminuito , non ingigantito perché l’intelligenza è cosa rara. Salviamo la specie e impariamo a riconoscere il valore aggiunto che rende tutti più forti in un programma senza bisogno di ” giustizia sommaria” e’eccessivo e mi spiace vederlo modificato da una vicenda che non merita”.

Sara Fonte