Michigan, esalazioni di monossido dalla piscina di un hotel: un bimbo morto, sei intossicati

Esalazioni di monossido di carbonio dalla piscina dell’hotel dell’albergo in Michigan: il risultato è stato un avvelenamento collettivo, con tanto di morto, un bimbo. E’ avvenuto nell’hotel nella città di Niles. L’allarme è stato lanciato dagli attendenti dell’hotel che hanno trovato un gruppo di bambini, fra i 10 ed i 14 anni, stesi svenuti accanto alla piscina.

Altre sei persone si sono sentite male nello stesso periodo di tempo e sono stati ricoverati per avvelenamento. Anche i soccorritori si sono sentiti male. La polizia ha rilevato, una volta giunta sul posto, che i livelli di monossido di carbonio erano 22 volte superiori al limite tollerabile per gli esseri umani. “A quei livelli la situazione è estremamente pericolosa – ha spiegato il capo dei vigili del fuoco – Bastano pochi minuti per svenire”.

Secondo le prime informazioni, il monossido sarebbe provenuto dal sistema di riscaldamento dell’acqua della piscina. I manager dell’albergo hanno sostenuto che sono in contatto con le autorità per capire meglio cosa sia avvenuto. Di fatto la situazione è molto grave, dato che anche un bambino ha perso la vita ed altri sono avvelenati e sono all’ospedale in condizioni serie.