Ferisce il figlio con un coltello e tenta suicidio, arrestata giovane mamma

Un dramma evitato solo grazie all’intervento di alcuni amici. Una giovane mamma, affetta da una forte depressione, avrebbe cercato di uccidere il figlioletto di soli 20 mesi, per poi tentare di togliersi la vita. Il tutto è accaduto sabato sera in un paese della Bassa Bergamasca.

La donna stava attraversando un periodo molto difficile: non solo la separazione con il marito, ma anche la perdita del posto di lavoro, avvenuta proprio nella giornata di sabato. La giovane mamma ha dapprima inferto una coltellata al figlioletto con una grossa lama da cucina e successivamente ha rivolto l’arma a sè stessa, nel tentativo di uccidersi.

Secondo quando riportato dai carabinieri, la 28enne avrebbe inferto dei colpi sul collo e sull’emitorace del piccolo. Il tutto sarebbe avvenuto probabilmente all’interno dell’abitacolo dell’utilitaria in uso alla donna, date le tracce ematiche rilevate dai carabinieri successivamente intervenuti per il sopralluogo.

Una volta ferita, e probabilmente resasi conto di quanto fatto, la donna è tornata dagli amici tutta insanguinata e con il bimbo ferito. Da qui la corsa in ospedale grazie alla chiamata al 118.

La mamma è stata arrestata in flagranza di reato per tentato omicidio pluriaggravato e si trova in ospedale, per la necessaria assistenza. Fortunatamente il bimbo è fuori pericolo: la sua tutela potrebbe essere affidata al nonno.