Figlio di David Beckham criticato per tatuaggio “irrispettoso”. La rete si divide

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:08

Brooklyn Beckham, il figlio 18enne del famoso calciatore David, è finito al centro di un’accesa polemica sui social network a causa di un tatuaggio con il quale ha voluto festeggiare il suo compleanno.

Motivo del clamore è il soggetto rappresentato nel suo primo tattoo, e cioè un capo tribù dei pellerossa. Non tutti, infatti, hanno gradito la scelta stilistica del ragazzo. E così, in quest’epoca di possibilità d’espressione per chiunque si senta in diritto di farlo, c’è chi lo ha accusato di aver fatto sfoggio di un simbolo che non può essere “strumentalizzato perchè sembra bello da mostrare”. “I nativi americani- ha aggiunto un utente- non sono un’estetica, sono persone reali e non meritano di essere usati come dei disegni”.

Ma non tutti, ovviamente, sono contrari alla scelta del giovane Beckham. Il 18enne è stato difeso da una nutrita schiera di cybernauti: “Amo il fatto che tu abbia tatuato sul braccio un nativo americano- ha sostenuto qualcuno-. Mi rende orgoglioso sapere che la mia gente è sempre più attenta al riconoscimento del nostro oscuro passato e che cerchi di farlo venire alla luce.”

Un altro fan ha scritto: “Bel tatuaggio, di buon gusto e molto ben fatto. Perchè sarebbe culturalmente insensibile? Di certo, se avesse avuto dei pensieri negativi sui nativi americani, non avrebbe scelto di tatuarsene uno sul braccio.”

Intanto, il diretto interessato si limita ad osservare chiuso dietro un cauto silenzio. L’unica esternazione è per papà David e per il suo tatuatore, Mark X. A loro infatti ha rivolto le seguenti parole: “Grazie mille Mark X, proprio come papà.”

G.C.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!