“Vive troppo all’occidentale”: 14enne marocchina picchiata e frustata dalla famiglia

Una 14enne marocchina di Pavia è stata momentaneamente sottratta alla sua famiglia, ed affidata ad una comunità, dopo che è stato accertata che la ragazza subiva maltrattamenti. La decisione del tribunale dei minori di Milano è stata presa perché la ragazza ha denunciato che nella sua famiglia, musulmana, il padre, il fratello e la madre l’hanno a più riprese picchiata e anche frustata. Il motivo? la ragazzina ‘si vestiva e si comportava troppo da occidentale’. 

La ragazzina è finita in ospedale per contusioni multiple, ed è stata per questo interrogata ed ha sporto denuncia. La famiglia ha cercato di difendersi, dicendo che la ragazzina aveva un comportamento riprovevole, che non voleva andare a scuola, che tornava a casa tardi e che si vestiva in maniera ‘eccessiva’.

Intanto, però, le botte sul corpo della ragazzina parlano da sole. I giudici in attesa di accertare come si siano svolti i fatti hanno affidato la ragazzina ad una comunità, temporaneamente. Intanto è stata avviata un’indagine per comprendere come si sia svolta la vicenda, che arriva a qualche giorno di distanza dall’episodio della 14enne alla quale la madre aveva rasato i capelli a zero perché si rifiutava di mettere il velo, e che si era confidata con la maestra che aveva denunciato l’episodio.