Omicidio-Suidicio a Pordenone: anziana ammazza il marito e si suicida

Un altro caso di omicidio suicido fra anziani coniugi. È avvenuto a Pordenone, dove una donna ha ucciso a colpi di lampada il marito e quindi si è soffocata con un sacchetto di plastica. La tragedia è avvenuta a Roveredo in Piano, provincia di Pordenone, in un quartiere centrale e signorile. La donna ha lasciato un messaggio ai figli: “Perdonatemi per il dolore che vi sto arrecando ma non ce la faccio più”, ma non posso più vedere soffrire il papà in questo modo ed anche per me il tempo è ormai scaduto.

Ad uccidere Roberto Redivo, di 86 anni e malato per una patologia degenerativa che da anni lo costringeva a letto, è stata la moglie Giuseppina Redivo, 79 anni. I cadaveri sono stati trovati dalla figlia, che non riuscendo a contattare i genitori, è andata a trovarli in auto. L’appartamento è era chiuso dall’interno. La donna ha trovato la madre, morta, ed il padre, in camera da letto, anche lui senza vita.

Una scena terrificante. L’anziana donna aveva pianificato tutto nel dettaglio, aveva anche preparato i vestiti da far indossare al marito per il funerale. Tutto era stato meticolosamente preparato. Secondo i figli, la donna aveva paura di non riuscire più ad accudire il marito nel futuro prossimo. Il procuratore Federico Facchin ha commentato: “Abbiamo accertato che si tratta di una famiglia eccellente colpita da una grave situazione di dolore interpersonale e insopportabile”.