Siria, ira di Putin. Erdogan si scaglia: “Assad va rimosso”. IS attacca Assad approfittando del raid

+ ULTIME NEWS +

Come ha riportato il Daily Express, l’ISIS ha approfittato dell’attacco statunitense contro la Siria per colpire a sua volta l’esercito siriano di Assad a circa 20 miglia dalla base colpita dai raid USA. Non sono noti i conti delle vittime.

Vladimir Putin ha pesantemente condannato l’attacco statunitense alla base militare siriana avvenuto questa notte alle 2.30 italiane. Questo atto, ha sostenuto il presidente russo citato dal portavoce del Cremlino “viola la legge internazionale. Washington ha compiuto un atto di aggressione contro uno Stato sovrano”.

Inoltre “L’esercito siriano non possiede delle riserve di armi chimiche e il fatto che tutte le riserve di armi chimiche delle forze armate siriane sono state distrutte è stato registrato e confermato dall’Opac” ha continuato. “Putin vede negli attacchi contro la Siria da parte degli Usa un tentativo di distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica dalle numerose vittime tra la popolazione civile in Iraq” ha sostenuto Peskov, portavoce del Cremlino. Quella in Siria “è un atto di aggressione con un pretesto assolutamente inventato”. In effetti, non esiste nessuna prova dell’attacco chimico su responsabilità di Assad.

Tutte le armi chimiche del regime sono state eliminate dalla zona da tempo, e comunque non v’è stato neppure il tempo di stabilire una commissione per verificare quanto accaduto. Un attacco, quello statunitense, troppo repentino. Intanto il discusso Erdogan, che dalla guerra in Siria ha solo che da guadagnare, ha sostenuto: “Deve essere stabilito un governo di transizione senza Assad. Deve essere rimosso il più presto possibile”.