Inghilterra, trovato con 9mila immagini pedo-pornografiche: rilasciato

Indignazione e rabbia, in Inghilterra, per la vicenda giudiziaria che ha coinvolto un uomo 34enne accusato di detenzione di materiale pedo-pornografico e rilasciato su decisione della magistratura.

David Carey, cittadino di Newcastle upon Tyne, in Inghilterra, è stato fermato a seguito di un controllo della polizia postale. Durante la perlustrazione della rete, infatti, gli agenti avevano notato un suo continuo utilizzo di siti ad alto contenuto pedo-pornografico. Quando hanno analizzato il suo computer si sono imbattuti in una vera e propria galleria dell’orrore, con un ammontare di materiale fotografico e video pari a circa 9mila files. In 91 filmati e 73 immagini, inoltre, erano immortalate persone intente ad avere sesso con animali.

Emma Dowling, procuratore della Newcastle Crow Court ha dichiarato: “L’ufficiale che ha visionato le immagini mi ha personalmente riferito che alcune di esse sono le peggiori che abbia mai visto. Pur ammettendo l’assoluta intenzionalità dei capi di imputazione a lui comminati (13, per la precisione, tra i quali spicca il download, il posseso e la distribuzione di materiale pedo pornografico), l’accusato è stato rispedito a casa poichè incensurato. Non c’è, infatti, obbligo alla detenzione in carcere per reati con pena inferiore ai tre anni i quali siano commessi da cittadini incensurati. Due, gli anni di pena che il giudice gli ha inferto.

G.c.