Referendum Turchia, Erdogan verso netta vittoria

Si va profilando una netta vittoria di Recep Erdogan al referendum costituzionale in Turchia. Stando ai primi risultati parziali, infatti, il “Sì” al referendum sul presidenzialismo voluto dal leader turco – che imprimerebbe una netta svolta autoritaria al Paese – sarebbe in netto vantaggio.

Con la metà delle schede scrutinate (50,70%), il vantaggio del ‘sì’ appare piuttosto chiaro: i voti favorevoli al referendum sul presidenzialismo si attesterebbero sul 57,80%, mentre quelli contrari sarebbero sul 42,20%, secondo i dati di Anadolu. Stando alle cifre rese note fino ad ora, inoltre, il ‘sì’ è in vantaggio in 62 province su 81, comprese Istanbul e Ankara.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha votato in una scuola media di Istanbul per il referendum costituzionale sul presidenzialismo, che in caso di approvazione potrebbe garantirgli una permanenza al potere fino al 2034. “Non è un voto qualunque, dobbiamo prendere una decisione straordinaria”, ha detto ai giornalisti al seggio.

Intanto anche nella giornata del voto non sono mancati alcuni arresti. La polizia turca ha fermato e condotto dietro le sbarre 8 persone ricercate: le forze dell’ordine le hanno intercettate mentre le stesse si stavano recando ai seggi per votare. Secondo Anadolu, si tratta di 5 sospetti ricercati per legami con il Pkk curdo e altri 3 affiliati alla presunta rete golpista di Fethullah Galen.