Rottura fra i Morvillo e i Falcone: “Francesca non ricordata come Giovanni”

La Fondazione Giovanni Falcone e Francesca Morvillo, quella che ogni 23 maggio, giorno dell’anniversario della strage nella quale persero la vita il giudice e i tre agenti di scorta, oltre alla stessa Morvillo, cambierà nome nelle prossime settimane, e si chiamerà semplicemente “Fondazione Falcone”.

Questo in conseguenza ad una frattura interna che si sarebbe creata tra le due famiglie, quella di Falcone e Morvillo appunto, i cui membri fanno parte del consiglio direttivo della stessa. Stando a quanto riporta il sito Dagospia, la rottura si sarebbe concretizzata in seguito ad una serie di scelte avvenute nel corso di questi mesi, scelte che avrebbero inficiato i già precari rapporti tra Alfredo Morvillo, fratello di Francesca, e la madre da un lato, e Maria Falcone, che si dice stupita della decisione della famiglia Morvillo.

Motivo della rottura, tra l’altro, sarebbe la scarsa attenzione che la Fondazione avrebbe dedicato al ricordo di Francesca nel corso delle commemorazioni degli ultimi anni. A ciò si sarebbe unito il recente trasferimento della salma del giudice Falcone dal cimitero di Sant’Orsola alla centralissima chiesa di San Domenico, dove tutt’ora dimora, separandolo di fatto dalla vicinanza con la moglie.

“Le nostre dimissioni dalla Fondazione risalgono al 2011- ha dichiarato Alfredo Morvillo-, dunque ben prima della trasposizione della salma del dottor Falcone al Pantheon, una decisione sulla quale abbiamo poi temporeggiato su invito di tanti amici e colleghi ma che adesso abbiamo ritenuto di dover rendere definitiva perchè Francesca e Giovanni, uniti nella vita e nella morte, non lo sono mai stati nel ricordo nelle tante manifestazioni organizzate dalla Fondazione”.

Un divorzio che, a pochi giorni dalle celebrazioni per i 25 anni dalla strage, appare in tutta la sua evidente irreversibilità.