Parigi, spari agli Champs Elysees, ucciso un poliziotto e l’assalitore

Si segue la pista dell’attentato terroristico per la sparatoria avvenuta questa sera a Parigi, sugli Champ Elysees. Un poliziotto sarebbe rimasto ucciso ed anche l’aggressore sarebbe morto, dopo una sparatoria a colpi di kalashnikov, ‘violenta’ secondo la descrizione fatta dai testimoni. La sparatoria sarebbe avvenuta di fronte a “Marks & Spencer”, un grande magazzino

Attentato a Parigi (FRAME)

britannico. Un terrorista, secondo le prime informazioni, sarebbe fuggito in un vicino garage. Le operazioni della polizia sono ancora in corso. 

I media locali hanno detto che “almeno un agente di polizia è morto ed un altro è stato ferito”. La polizia ha invitato la popolazione a non avvicinarsi ai luoghi dell’attacco. 
Il terrore si è scatenato a pochi giorni dalle elezioni presidenziali in Francia. Minacce di terrorismo erano state effettuate proprio per questo periodo. Si propende per la tesi dell’attentato terroristico.

La prefettura della città ha lanciato l’allarme, chiedendo alla gente di non avvicinarsi al famoso viale parigino. L’aggressore avrebbe usato un Ak 47 per sparare. L’aggressione è avvenuta velocemente. Le stazioni della metro George V, Franklin Roosevelt e Champs Elysees-Clemencedau sono state chiuse; nonostante molti siti si sbilancino parlando di terrorismo islamico, ‘nessuna pista’ per questo momento è esclusa.

Notizia in aggiornamento