Parigi, scontri con la polizia per la possibile elezione di Marine Le Pen

Durante la notte alcune persone sono scese in strada per protestare contro la potenziale vittoria di Marine Le Pen come prossimo presidente francese, incendiando auto e avendo alcuni scontri con la polizia, che però afferma che non ci sono stati feriti durante gli scontri tra protestanti e forze dell’ordine in Place de la Bastille.

Più tardi, circa 300 persone si sono radunate in Place de la Republique per protestare in modo pacifico, sventolando bandiere rosse intorno ad un falò improvvisato; nella piazza si potevano udire canti e urla di protesta come ‘Ora bruciate le vostre schede elettorali‘ e ‘No Marine e No Macron‘ riferiti a Emmanuel Macron e Marine Le Pen, rispettivamente esponenti di spicco di centro ed estrema destra.

I due si daranno battaglia per la presidenza francese per cambiare l’aspetto odierno del proprio paese e soprattutto per valutare la decisione di continuare a rimanere nell’Unione Europea.

Nel frattempo, politici di destra e di sinistra hanno invitato tutti gli elettori a bloccare l’ascesa di Marine Le Pen poiché la sua politica ultra-nazionalista, anti-europea e anti-immigrazione sarebbe un reale disastro per la Francia.

Francois Fillon, candidato conservatore, si è espresso così a riguardo: “L’estremismo può portare solo infelicità e divisione in tutta la Francia“.

Mario Barba