Corea del Nord: Kim Jong-Un è pronto a mandare mezzo milioni di donne al fronte

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:36

Kim Jong-Un non sembra intenzionato a sottomettersi agli ultimatum degli Stati Uniti e dell’Onu, continua, infatti, la sua campagna di ostentazione della potenza bellica tramite i media e questa volta lo fa mostrando un plotone di 500.000 donne soldato pronte ad essere schierate al fronte qualora la guerra contro l’America dovesse scoppiare.

Le immagini trasmesse dalla Korean Central News Agency fanno riferimento alla più grande parata mai organizzata in onore del corpo militare Coreano per la celebrazione dell’ottantacinquesimo anniversario dalla fondazione che si è tenuto questa settimana. Durante le immagini diffuse dall’emittente di regime, lo speaker della KCNA ha spiegato che Kim ha organizzato per l’inizio della prossima settimana una competizione di tiro a cui parteciperanno tutte le donne del suo esercito, l’obbiettivo della competizione è quello di dimostrare che queste sono capaci di combattere esattamente come gli uomini.

Il leader coreano ha anche sottolineato l’importanza di queste competizioni affinché le donne possano raggiungere un’adeguata preparazione al reale combattimento e siano dunque pronte ad affrontare ogni possibile situazione senza perdere di vista l’obbiettivo primario. Ciò che colpisce non è tanto l’utilizzo delle donne in battaglia (da tempo vengono utilizzate al fronte in tutte le nazioni) ma l’ingente numero: si ritiene che il numero di donne presenti nell’esercito coreano arrivi a circa 500.000 su un totale di 1.200.000 soldati (il 40%).

La presenza di un così alto numero di donne nell’esercito di Kim Kong-Un, secondo gli esperti è probabilmente dovuto alla grande carestia che ha colpito la Corea negli anni novanta e che ha causato la morte e la diserzione di molti dei soldati che facevano parte dell’esercito dell’epoca.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!