Scontro USA-Corea del Nord, l’ultima provocazione della propaganda di Kim Jong-un arriva con un videoclip

 

 

 

 

 

 

Non sembra volersi allentare lo stato di fortissima tensione politica e militare ormai permanente tra Stati Uniti e Corea del Nord.

L’ultima provocazione del leader della Corea del Nord non si è fatta attendere e si è manifestata tramite la creazione di un videoclip che mostra i possibili effetti di una Terza guerra mondiale e di ciò che potrebbe scatenare un intervento militare coreano contro gli Stati Uniti. Il video mostra uno scenario inquietante: razzi coreani che esplodono contro la Casa Bianca, la flotta militare statunitense colpita nei suoi punti nevralgici, esplosioni di bombe su tutto il territorio. Una delle scene più preoccupanti è quella finale, in cui si vede bruciare la bandiera americana davanti alle tombe di un cimitero (i probabili caduti americani, vittime degli attacchi coreani).

La Corea del Nord ha ricevuto più volte moniti relativi alla prosecuzione dei suoi intenti nucleari, così come era già avvenuto per il noto precedente della Siria, ma il Paese pare non voler fare un passo indietro. Lo scontro verbale tra il Presidente Donald Trump ed il Coreano Kim Jong-un procede ad oltranza, dagli attimi che hanno preceduto l’insediamento ufficiale del nuovo presidente americano avvenuta lo scorso gennaio. Proprio in quel periodo dell’anno Kim Jong-un, in occasione del Capodanno, aveva fatto sapere che la Corea del Nord è ormai diventata una potenza di livello  internazionale e che sarebbe in procinto di ultimare la creazione di un’arma nucleare capace di colpire molte zone degli USA. Sulla vicenda, Trump ha già rassicurato tutti a mezzo twitter, Il Presidente ha anche più volte sottolineato, in senso negativo, un mancato intervento della Cina in favore degli States.

Maria Mento