UK, è ancora paura terrorismo: donna di 20 anni ferita dalle forze dell’ordine durante un conflitto a fuoco

 

 

 

 

 

 

 

 

Londra. È stata diramata soltanto meno di un’ora e mezzo fa la notizia che la polizia londinese avrebbe ferito una giovanissima donna di appena vent’anni, sospettata di essere un’attentatrice. Ancora paura, quindi, nella capitale inglese per l’ennesimo, possibile, atto di sangue legato al terrorismo che sta attanagliando l’Europa.

Secondo quando riportato anche dalla testata giornalistica “The Sun”, la polizia si sarebbe mossa dopo una segnalazione ricevuta intorno alle ore 19:00 della giornata di ieri: i vicini di casa si sarebbero allarmati per la presenza di armi in una casa di Willesden, un’area sita nella zona nord-ovest di Londra, e avrebbero chiamato le autorità di competenza.

Durante il blitz organizzato per scoprire cosa si nascondesse nella villetta, la donna, che indossava un burkha nero, è stata ferita con un colpo d’arma da fuoco. La ragazza  è rimasta sdraiata sul marciapiede ed ha così iniziato ad inveire contro gli agenti e contro i medici che le davano soccorso. È tuttora ricoverata in ospedale, in condizioni gravi ma stabili. Si tratterebbe (secondo “The Times”) della prima donna colpita in un conflitto a fuoco Gran Bretagna durante un’indagine antiterroristica. L’operazione ha portato all’arresto di altri 6 presunti complici della ragazza: sarebbero coinvolti nella vicenda una donna e un uomo di 20 anni, una donna e un uomo di 28 anni, un ragazzo di appena 16 anni e una donna di 43 anni. I sospettati sono stati fermati e accusati di preparare attentati terroristici.

 

Maria Mento