Salvini al Cara di Mineo: “100mila euro al giorno di spesa ma nessuna integrazione”

Matteo Salvini, il leader della Lega Nord, ha trascorso una notte nel più grande centro di accoglienza in tutta Europa: il Cara di Mineo, in Sicilia. “Buongiorno dal più grande Centro per Immigrati d’Europa, in Sicilia! Stanotte 3.300 ospiti più uno, che ha dormito in branda e si è appena fatto la doccia” ha scritto il leader della Lega sul social. “Alle mie spalle il sole che sorge, una delle villette che prima erano affittate ai soldati americani e adesso sono offerte agli immigrati africani, e una moschea gonfiabile a loro disposizione”.

Per poi annunciare anche il costo della struttura e del mantenimento: “Spesa di oltre 100.000 euro al giorno, pagano gli italiani”. Prosegue su Facebook il leader della Lega: “Ho osservato abusi di vario tipo: si vendono televisori a schermo piatto, stereo, telefonini, scarpe nuove, pantaloni, ma soprattutto quello che contesto è che questa sia integrazione. Sono centomila euro al giorno, spesi male per gente che non scappa dalla guerra”.

Salvini ha definito il maggior centro d’accoglienza europeo ‘un supermercato di carne umana’. L’anno scorso questo centro di accoglienza era finito al centro di un’inchiesta per un giro di promesse di voti in cambio delle assunzioni, e per turbativa d’asta. Inoltre era risultato che i numeri dei migranti presenti venivano gonfiati per ottenere più soldi dal Governo.