3 Maggio 2017: si festeggiano i Santi Filippo e Giacomo

Il 3 Maggio la Chiesa Cattolica celebra la memoria liturgica dei santi Filippo e Giacomo apostoli.

Vissuti nel I secolo d.C., vengono celebrati unitamente poiché le loro reliquie vennero deposte insieme nella chiesa dei Dodici Apostoli a Roma.

Filippo nacque, come gli apostoli Pietro e Andrea, nella città di Betsaida (nei pressi del lago di Tiberiade), e fu discepolo di Giovanni Battista e tra i primi seguaci di Gesù.

Nel Vangelo egli era colui che, prima della prodigiosa moltiplicazione dei pani, aveva chiesto a Gesù come avrebbero potuto sfamare tutta quelle persone.

Evangelizzò in Europa e Asia, tra gli Sciti e i Parti, operando numerose conversioni, e fondò numerose comunità cristiane. All’età di 84 anni fu torturato e crocefisso da alcuni idolatri in Frigia.

Giacomo (detto “il Minore” per distinguerlo dall’altro apostolo con lo stesso nome), era anche lui originario di Betsaida ed era cugino di Gesù.

Partecipò al Concilio di Gerusalemme (50 d.C. circa), e alla morte di Giacomo “il Maggiore” divenne vescovo di Gerusalemme, dove fondò una comunità di Cristiani.

Avendo operato numerose conversioni suscitò l’odio degli Ebrei, che lo aggredirono mentre pregava nel tempio, lo trascinarono al suolo, malmenarono e infine uccisero spaccandogli il cranio. Aveva 96 anni.

Secondo la versione di Giuseppe Flavio Giacomo invece, fu lapidato tra il 62 e il 66 d.C.

Scrisse la prima delle Lettere Cattoliche del Nuovo Testamento, nella quale è celebre il sue detto: «La fede senza le opere è morta».

MDM