Eliminato l’Hiv da topi ‘umanizzati’: i risultati dello studio storico

virus HivGli scienziati di due università americane sono riusciti ad eliminare con successo l’Hiv da topi ai quali erano state trapiantate cellule immunitarie umane infette. Si tratta di un grande passo avanti nella lotta a questa patologia, prima volta che uno studio di questo tipo ha esito positivo su un animale insetto: effettuato dai ricercatori dell’Università di Temple e dell’Università di Pittsburgh, lo studio trae spunto da una precedente ricerca effettuata dallo stesso team nel 2016 nel corso della quale l’Hiv è stato eliminato dalle cellule nei laboratori, utilizzando il gene Clustered Regular Repeats Palindromic Interspaced mediante la tecnica che riscrive il genoma con un taglia-incolla del Dna, la Crispr/Cas9.

Wenhui Hu, professore associato alla Temple University e tra gli autori della ricerca, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Molecular Therapy, ha dichiarato che “il nostro nuovo studio è più completo. Abbiamo confermato i dati del lavoro precedente migliorando l’efficienza della nostra strategia di modifica del gene. Inoltre abbiamo dimostrato che la strategia risulta efficace in due tipologie diverse di topi, uno con l’infezione acuta presente nelle cellule del roditore stesso e l’altro con l’infezione cronica o latente nelle cellule umane trapiantate nel topo”. Lo studio ha riguardato tre diversi ‘modelli animali’ testati, inclusi i topi con cellule immunitarie umane trapiantate, nei quali l’Hiv riesce spesso a non essere individuato, e ha avuto esito positivo. “La fase successiva sarebbe quella di ripetere lo studio sui primati, un modello animale più adatto nei quali l’infezione da Hiv induce la malattia”, ha sottolineato Hu. “Il nostro obiettivo finale è lo studio clinico sui pazienti umani”.

Daniele Orlandi