Roma, blitz anti abusivi: un senegalese muore di infarto, sale la tensione

Un senegalese di 53 anni è morto d’infarto a Roma, sul Lungotevere, mentre cercava di fuggire da un blitz anti abusivi da parte della polizia municipale. Il dramma è avvenuto a Lungotevere de’ Cenci. Oggi, in mattinata, quando la polizia municipale ha fatto il blitz contro la piaga dell’abusivismo, tutti gli stranieri sono fuggiti di corsa. Anche il senegalese si è dato alla fuga ma il suo cuore non ha retto, ed è morto di fronte ai turisti ed ai passanti, accasciandosi a terra. Inutili i soccorsi.

Altri testimoni, secondo una versione non confermata, hanno detto che il 53enne “è stato investito da un motorino dei vigili urbani in borghese mentre scappava dal controllo. E’ caduto e ha battuto la testa”. In quel momento la tensione è salita: numerosi altri ambulanti sono accorsi per protestare contro la polizia. Molti nordafricani si trovano sul luogo, mentre sta arrivando anche la polizia antisommossa per proteggere i colleghi della municipale. Alcuni stranieri si sono gettati a terra, altri invece stanno bloccando il traffico.

Secondo Mauro Favale di Repubblica, che ha pubblicato un post su Twitter, “Una ventina di senegalesi protestano sul Lungotevere. Stamattina un ambulante è morto dopo un blitz antiabusivismo dei vigili urbani”. La strada è stata chiusa per limitare la protesta e per consentire le operazioni della polizia.