5 Maggio 2017: si festeggia Sant’Angelo da Gerusalemme

Il 5 Maggio la Chiesa Cattolica celebra la memoria liturgica di Sant’Angelo da Gerusalemme.

Annoverato tra i primi monaci carmelitani della Sicilia, Angelo nacque a Gerusalemme nel 1185 da genitori giudei convertiti al Cristianesimo.

Alla loro morte, insieme al fratello gemello Giovanni, entrò tra i Carmelitani del convento di San Brocardo, sul Monte Carmelo, in Palestina.

A 25 anni fu ordinato sacerdote e, nel 1218, partì in missione per Roma, ottenendo da papa Onorio III la conferma (concessa nel 1226), della nuova e definitiva Regola del Carmelo, che da ordine contemplativo diventava ordine mendicante.

Successivamente fu inviato in Sicilia per predicare contro il movimento eretico cataro, in forte espansione in quel periodo in tutto l’Occidente cristiano.

A Licata Angelo incontrò un signorotto locale, tale Berengario, cataro e incestuoso.

Angelo convinse la compagna di quest’uomo a lasciarlo e questi, accecato dall’ira, lo assalì mentre predicava nella chiesa dei santi Filippo e Giacomo, ferendolo gravemente con cinque colpi di spada.

Dopo qualche giorno, il 5 Maggio 1225, Angelo morì chiedendo agli abitanti di Licata di perdonare il suo assassino.

Fu sepolto nella stessa chiesa ma, nel 1662, le sue reliquie furono traslate nella nuova chiesa, edificata nello stesso luogo dopo la liberazione della città dalla peste, nel 1625, per intercessione del Santo.

Il culto del santo fu autorizzato da papa Pio II, nel 1456.

MDM