Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Monopoli, il 17enne confessa: “Ho spinto io gli anziani giù dagli scogli”

CONDIVIDI

“E’ stato uno stupido scherzo”. Nessuna rapina, quindi, tra le motivazioni che hanno spinto i due minorenni a mettere in pratica quell’azione folle che ha portato alla morte di Giuseppe Dibello. L’anziano, 77 anni, è stato infatti spinto giù dagli scogli di Monopoli insieme ad un amico.

A confessare la volontarietà del gesto è stato il 17enne: il particolare è emerso dagli interrogatori resi questa mattina nell’istituto minorile Fornelli di Bari dinanzi al gip del Tribunale per i Minorenni chiamato a convalidare i fermi.

Il suo difensore, l’avvocato Giuseppe Sardano, ha chiesto l’attenuazione della misura cautelare con concessione degli arresti domiciliari.

Per quanto riguarda invece l’altro giovane indagato, di soli 15 anni, la conferma della sua presenza al momento dell’accaduto ma nessuna azione materiale da parte sua. Negli interrogatori di convalida dinanzi al gip del Tribunale per i Minorenni di Bari Riccardo Leonetti, i due ragazzi, di 15 e 17 anni, hanno risposto alle domande negando la rapina. Un supplemento di indagini disposto dal pm minorile Carla Spagnuolo avrebbe, inoltre, accertato che nella tasca della giacca lasciata sulla spiaggia da uno dei due anziani, il sopravvissuto Gesumino Aversa, c’erano 650 euro della pensione appena ritirata che non sono stai toccati.

Almeno quattro ragazzi hanno testimoniato di aver visto i due minorenni spingere gli anziani giù per gli scogli.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram