Liberate 82 delle studentesse rapite in Nigeria dai jihadisti di Boko Haram

Almeno 82 delle 276 studentesse che erano state rapite anni fa dal gruppo jihadista Boko Haram sono state liberate. Le ragazze erano state rapite dalla scuola di Cibo, in Nigeria. Le giovani erano state sequestrate il 14 aprile del 2014, più di tre anni fa, e per diversi mesi l’attenzione del mondo fu su queste povere ragazze per la loro triste vicenda.

Ma questo ha però peggiorato la situazione: l’indignazione politica e sociale globale non fece altro che aumentare il valore di queste ragazze per i terroristi che le avevano rapite. Alcune ragazze erano state sposate ai jihadisti, altre erano state costrette a compiere attentati suicidi. Di loro erano trapelate molte notizie diverse nel corso degli anni, ed infine sembra che i negoziati fra i sequestratori delle giovani e il governo federale di Abuja abbia portato a dei buoni risultati concreti. Della liberazione delle giovani ha riferito il sito Sahara Report.

Le ragazze nel momento in cui sono state liberate si trovavano a Banki, sempre nello stato di Borno, che è in mano al gruppo jihadista. Prima di essere consegnate alle loro famiglie, si evince dalle fonti che hanno riportato la notizia, le giovani verranno trasferite in luogo sicuro dove verranno interrogate dalla polizia.