Genova, nuovo caso di meningite: tassista ricoverato in gravi condizioni

Non si placa la psicosi nel nostro Paese per i continui casi di infezione da meningococco che stanno colpendo diverse persone su tutto il territorio nazionale. Nessun focolaio, beninteso, ma casi sparsi in molte regioni che contribuiscono ad alimentare paure e preoccupazioni nella popolazione.

L’ultimo caso proviene da Genova, e riguarda un tassista del capoluogo ligure. L’uomo, 54 anni, è infatti ricoverato in coma farmacologico all’ospedale Galliera di Genova per una meningite da meningococco.

Stando a quanto riferito dal plesso ospedaliero genovese, le condizioni del tassista, sarebbero gravi ma stabili.

Nel frattempo, come da prassi stabilita, tutti i dipendenti ospedalieri che sono venuti in contatto con lui, compresi i familiari del taxista, sono stati sottoposti alla profilassi medica.

Il tassista ha cominciato ad avvertire i primi sintomi sabato sera, quando si è sentito male. L’uomo presentava un quadro clinico inequivocabile, data la presenza di febbre alta, mal di testa e nausea. Per questo motivo si è reso necessario il trasferimento d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale San Martino domenica sera e poi trasferito al Galliera. Secondo quanto riferito dai media locali, il personale sanitario non ha ritenuto strettamente necessaria la profilassi per i clienti del tassista genovese. Non sono state rese note le generalità dell’uomo.