Il Senato italiano trema. La denuncia di Lucio Barani sull’uso di cocaina tra i politici

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:00

 

 

 

 

 

 

 

Tra i politici italiani c’è chi fa uso di cocaina. Parola di Lucio Barani, senatore di Ala e medico professionista, che già nel 2015 aveva fatto una rivelazione/denuncia similare ai microfoni di Rai Radio 1. Sempre ai microfoni della stessa emittente, per il programma “Un giorno da pecora”, Barani è tornato sull’argomento con una breve intervista in cui ha esplicitamente detto che la sua esperienza da medico lo porta a fare tale considerazioni. E secondo Barani le nuove leve della politica italiana sarebbero un vero e proprio terreno fertile ove fare avanzare questo male oscuro.

Nonostante le sue affermazioni siano pesanti e nonostante si tratti di parole che potrebbero scatenare un autentico terremoto, Lucio Barani rimane cauto. Ad una domanda esplicita sul Movimento Cinquestelle capeggiato da Grillo e sui senatori pentestellati che potrebbero essere alcuni dei politici interessati dalle dichiarazioni di Barani (“Intende dire che tra i senatori Cinquestelle potrebbe esserci qualcuno che ne fa uso?” è la domanda che gli è stata rivolta), il medico preferisce fare spallucce senza esporsi in maniera chiara e facendo ironia (forse per stemperare la tensione portata dall’argomento) su un possibile malocchio di Beppe Grillo lanciato ai suoi danni (“Io non l’ho detto, lo dice lei, io non lo dico, per l’amor di Dio: che poi c’è Grillo che mi dà il malocchio” sono state le sue testuali parole).

Due anni fa Barani fu portato a chiedere scusa per le sue dichiarazioni nella conferenza dei capigruppo in Senato per volere del Presidente Grasso.

Maria Mento