Mestre, è scomparsa una bimba di 8 anni: la pista del rapimento è la più probabile

 

 

 

 

Dopo i tragici fatti che hanno coinvolto una famiglia rom nella zona di Centocelle a Roma, portando alla morte di 3 sorelline, sembrerebbe essere venuto alla luce un nuovo fatto di cronaca che coinvolgerebbe altre persone di etnia rom. I fatti si sono svolti a Mestre, in provincia di Venezia, così come ha raccontato agli inquirenti un uomo che si è presentato al loro cospetto per denunciare il presunto rapimento della figlia, una bimba di soli 8 anni.

Secondo quanto dichiarato dal giovane padre, il tutto sarebbe accaduto questa mattina, intorno alle ore 09:30. L’uomo si trovava insieme alla piccola in Piazza Barche quando un altro uomo, sempre di etnia rom, ha preso con sé la bimba, minacciando il padre tramite contatto instaurato grazie al cellulare: il rapitore avrebbe chiesto un riscatto in cambio della liberazione della figlia. La piccola, sempre secondo la testimonianza resa dal padre al 113, si sarebbe allontanata con il suo rapitore a bordo della loro stessa automobile, una Peugeut 308 station wagon di colore scuro.

Gli uomini della Squadra Mobile di Venezia si sono immediatamente resi operativi su tutto il territorio per cercare di rintracciare l’uomo e di trarre in salvo la ragazzina. Sono stati istituiti posti di blocco, si stanno portando avanti controlli serrati e contestualmente si lavora per cercare di comprendere quale sia il movente di tale brutta azione: si sospetta che l’uomo abbia agito nel tentativo di risolvere una rivalità esistente tra le due famiglie rom coinvolte negli eventi, la sua e quella della bambina portata via.

Maria Mento