14 Maggio 2017: si festeggia San Mattia apostolo

Il 14 Maggio la Chiesa Cattolica celebra San Mattia Apostolo, uno dei settantadue discepoli di Gesù.

Venerato da tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi, non va confuso con Mattia l’Evangelista.

Di questo apostolo che rimase con Gesù dal suo battesimo sino all’ascensione, si parla nel primo capitolo degli Atti degli apostoli, quando viene chiamato a ricomporre il numero di dodici, sostituendo Giuda Iscariota.

Mattia, abbreviazione del nome ebraico Mattithiah, che significa “dono di Dio“, secondo gli Atti apocrifi, sarebbe nato a Betlemme, da un’illustre famiglia della tribù di Giuda.

Le informazioni posteriori riguardanti la vita e la morte di questo apostolo sono contraddittorie.

Secondo Niceforo I, patriarca di Costantinopoli, egli predicò prima in Giudea, poi in Etiopia, quindi subì il martirio mediante crocifissione.

Un’altra tradizione, dubbia, lo dice martire a Gerusalemme, lapidato dai giudei e infine decapitato con un’alabarda.

Iconograficamente infatti, Mattia viene raffigurato come un uomo anziano che reca in mano un’alabarda quale suo attributo.

Le sue reliquie, o presunte tali, sono contenute in un’arca marmorea nel transetto dalla basilica di Santa Giustina a Padova.

Le spoglie conservate a Roma nella basilica di Santa Maria Maggiore, invece, apparterrebbero a San Mattia vescovo di Gerusalemme, da non confondersi con quelle dell’apostolo.

MDM