Bologna: da oggi in Italia arriva in commercio la marijuana legale

Da tanti anni ormai vi è una proposta di legge per far sì che la marijuana diventi legale nel nostro paese; proposta della quale non si è ancora raggiunto un accordo poiché il dibattito è ancora acceso, nonostante i dati riportati dimostrino che nei paesi nella quale è stata resa legale (come Spagna, Olanda, Cecoslovacchia e molti Stati degli USA) il consumo della cannabis si sia ridotto e che abbia rimpinguato le casse dello Stato.

Lo scorso fine settimana però alla Fiera internazionale della canapa, a Casalecchio di Reno, è stata presentata una varietà di cannabis che ha un principio attivo di THC minore dello 0.6%, che è il limite consentito nello Stato italiano.

L’azienda ‘Easyjoint‘ insieme a ‘L’erbavoglio‘, azienda produttrice di canapa nelle Marche, hanno quindi proposto al mercato un tipo di erba che non ha effetti psicoattivi ma soltanto sedativi.

Luca Marola, titolare di ‘Canapaio Ducale‘ a Parma, si esprime così al riguardo: “Il CBD (cannabidiolo) così elevato consentirebbe un’efficacia maggiore di rilassamento, combatterebbe il mal di testa, i dolori mestruali e quelli articolari. Inoltre, ha un effetto antiossidante utile a chi soffre di malattie degenerative. La si può usare come tisana o in sostituzione del tabacco.”

Eletta Campana, questo il nome della pianta sativa in commercio, è “la prima marijuana vendibile” afferma un collaboratore commerciale di Easyjoint che afferma inoltre: “In autunno, tempo del raccolto, lanceremo altre varietà che andranno ad allargare la gamma del prodotto. Nei tre giorni di Indica Sativa Trade lo scorso fine settimana la vendita è stata positiva per l’effetto novità e per aver recuperato una qualità di canapa esistente seguendo la tendenza della vicina Svizzera“.

Mario Barba