“Caro Stato mi hai dimenticato”, la lettera di Mattia, un bambino terremotato di Muccia

La postina del piccolo paese di Muccia, in provincia di Macerata, Simona Orfini, ha deciso di scrivere una lettera indirizzata allo Stato dando voce a Mattia, un bambino di 2 anni, e a tutti i terremotati che si trovano in condizioni disagiate dopo il terremoto.

La lettera è accompagnata da una foto del piccolo Matteo alla mensa scolastica con gli occhi ricolmi di tristezza.

Ecco a voi il contenuto della lettera: “Caro Stato, mi chiamo Mattia. Da pochi giorni ho compiuto i miei primi due anni di vita. Sette mesi di questa li ho già passati insieme alla mia mamma e al mio papà in un container. Sono il più piccolino della comunità terremotata qui a Muccia. Ho imparato a mangiare da solo. Faccio la fila come i grandi con il mio vassoietto blu alla nostra mensa. Qui abbiamo avuto la fortuna di avere in aiuto i carabinieri del battaglione Puglia che cucinano per tutti noi. Loro si che mi stanno vicino, non come te, che ti sei dimenticato. La mia mamma dice che le promesse poi vanno sempre mantenute. Io rappresento il tuo futuro, insieme a tanti altri bimbi del centro Italia che dal 24 agosto in poi hanno perso tutto. Io però ho fiducia nella mia famiglia, nel mio paese. Aiutami a crescere credendo ancora in te. Perché se mi togli la possibilità di avere un futuro, caro Stato, io con te poi faccio i capricci e non ci gioco più.

Mario Barba