Cina, famiglia muore nel tentativo di pulire una fossa settica

Quasi tutti i componenti di una famiglia, tentando di pulire una fossa settica per i maiali debordante di escrementi, sono prima svenuti a causa della nube tossica sprigionatasi all’apertura del container e poi morti annegati nei liquami. Questa tragica vicenda si è verificata in una fattoria del piccolo villaggio di Nanshan, in provincia della città di Chaonzhou, che si trova nella parte sud del distretto di Guangdong (Cina).

Il proprietario della fattoria si era accorto che la fossa settica situata sotto la sua proprietà era completamente piena ed aveva deciso di pulirla. Per non fare affaticare il padre, la figlia più grande si è offerta di pulirla al suo posto, ma non appena è entrata nel putrido container è svenuta a causa dei fumi tossici sprigionati dalla massa di rifiuti corporei guasti degli animali. I genitori della ragazza, non vedendola tornare, si sono preoccupati e sono entrati anche loro nel container per salvarle la vita, ma essendo privi di qualsiasi protezione sono anche loro svenuti sotto la massa di escrementi.

Qualche minuto dopo due dei tre figli della coppia hanno cercato invano di salvare i loro parenti entrando nel container, ma sono stati travolti dalla massa putrescente e ne sono svenuti all’interno. Il terzo figlio, allora, ha deciso di chiedere aiuto al vicino, questo altrettanto coraggiosamente ha provato un disperato salvataggio senza alcuna protezione, ma l’azione avventata gli è costata la vita.

Scioccato e impaurito, il terzo figlio della coppia ha chiamato i soccorsi nella speranza di salvare la sua famiglia. I soccorritori hanno provveduto all’estrazione dei corpi dal container, ma al loro arrivo nessuno degli sventurati protagonisti mostrava segni di vita ed  hanno potuto solamente dichiararne il decesso. Alla luce di questa assurda vicenda, il governo locale ha disposto che vengano istituiti dei corsi per spiegare la corretta gestione delle fosse settiche.

F. S.