16enne italiano arrestato in Inghilterra: abusava del fratellino e condivideva foto in rete

Un 16enne originario di Verona è stato arrestato dalla polizia dopo che questa aveva accidentalmente scoperto gli abusi perpetrati dal giovane nei confronti del proprio fratellino, di 10 anni più piccolo.

La vicenda, in verità, prende le mosse da una precedente inchiesta che gli uomini della polizia postale stavano conducendo nei confronti di un 40enne, arrestato con l’accusa di detenzione di ingenti quantità di materiale pedopornografico. L’uomo, che viveva alla periferia della provincia comasca, aveva infatti creato un fittizio account Facebook (femminile) tramite il quale avvicinava minorenni con lo scopo di ricevere materiale autoprodotto dalle proprie vittime. E così, analizzando i backup delle numerose conversazioni, gli uomini della polizia postale sono incappati in delle fotografie che il 16enne aveva inviato alla sua (falsa) amica virtuale. In tali foto, non solo il giovane esibiva le proprie nudità masturbandosi, ma immortalava anche scene dei convegni sessuali ai quali sottoponeva il proprio fratellino. Così, gli investigatori della sezione di Verona hanno chiesto ed ottenuto dall’autorità giudiziaria l’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti dello stesso.

Il ragazzo, che nel frattempo si era trasferito nel Regno Unito assieme alla propria famiglia, è stato così raggiunto da un mandato di cattura europeo ed è stato assicurato alla giustizia. Dovrà rispondere di accuse che vanno dalla violenza sessuale su minori, ad atti sessuali con minore e divulgazione di materiale pedopornografico, aggravato all’abuso di relazioni domestiche.