Fratelli 16enni picchiavano la madre e la trattavano come una schiava: portati in comunità

Una storia assurda quella che hanno ricostruito i carabinieri di Milano. La storia di una donna, una mamma italiana di 39 anni, che da marzo del 2015 subiva le violenze dei propri figli, due gemelli di soli 16 anni. I due si erano uniti ad una baby gang e da allora si comportavano come dei padroni in casa: picchiavano la madre, sputavano per terra, e le gridavano “Pulisci, schiava”.

Razziavano puntualmente l’appartamento per cercare soldi, gioielli ed ogni cosa da vendere. La donna si era vista minacciare più volte col coltello per farsi dare i soldi, dietro minacce di morte. Il padre dei due, che è separato dalla donna, è assente. I due gemelli chiedevano alla madre soldi ogni giorno, da spendere in alcool e droga. Talora avevano chiuso anche la donna in stanza, sequestrandola, per cercare denaro nel resto della casa, mentre a scuola erano noti come bulli e vandali.

Finché la donna non ha detto ‘basta’ e si è rivolta ai carabinieri della compagnia di Sesto san Giovanni.
Lunedì pomeriggio i militari hanno prelevato i due dalla loro casa che si trova alla periferia di Cologno Monzese, a Milano, e li hanno portati in due diverse comunità, una in Piemonte ed una in Lombardia. I due ragazzi sono accusati di minacce, lesioni aggravate e maltrattamenti in famiglia.