Mali, gruppo islamista lapida uomo e donna perché convivevano fuori dal matrimonio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:34

In Mali, un uomo ed una donna tuareg sono stati condannati e lapidati a morte da un gruppo di jiahdisti perché accusati di convivere fuori dal matrimonio. Una fonte ufficiale del luogo, che però ha chiesto di essere mantenuta anonima, ha reso nota la notizia. La coppia si sarebbe resa colpevole di ‘aver violato la legge islamica’. “Gli islamisti hanno scavato due buche nelle quali hanno messo l’uomo e la donna che vivevano assieme senza essere sposati, e li hanno lapidati a morte” ha riferito la fonte del luogo.

L’esecuzione si sarebbe tenuta martedì scorso a Taghlite, una città nel nord del Paese. Ad ordinare il barbaro fatto l’ex sindaco della città di Aguel’hoc, che si è convertito al fondamentalismo islamico. Il gruppo di jihadisti che ha effettuato l’esecuzione è Ansar Dine, il cui capo, il mese scorso, si era unito ad Al Qaida ed aveva formato un nuovo grande gruppo di jihadisti in Africa centrale, chiamato ‘Jama’at Nusrat al-Islam wal Muslimeen’ che significa ‘Supporto all’Islam e ai musulmani’.

Quella di Jama’at Nusrat al-Islam wal Muslimeen è un’altra grande minaccia del fondamentalismo islamico, della quale però si parla poco, perché distante dalle nostre nazioni: e che tuttavia continua a diffondere terrore e morte nelle popolazioni locali.

Roversi Mariagrazia

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!