Sarno, paura per un bambino di 11 anni che ha finto di giocare a Blue Whale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:30

Il nome di questo macabro gioco è oramai sulla bocca di tutti. ‘Blue Whale‘ (chiamato così per il comportamento delle balene ed alla loro pratica di spiaggiarsi e morire senza alcun apparente motivo) si identifica come una sorta di rituale che ha lo scopo di condurre qualcuno verso il suicidio.

Le morti provocate da questo gioco, ancora tutte da confermare, sono oltre 130, che si concentrano in maniera massiccia in Russia.

Un ragazzino di 11 anni di Sarno ha messo in giro la voce che aveva da tempo iniziato questo gioco e che si stava avviando alla sua conclusione. Così nella serata di ieri il ragazzo è stato avvistato in piazza Cinque Maggio da alcuni suoi amici che lo avrebbero visto salire sulla cima del teatro intento a buttarsi giù; una folla di suoi coetanei lo ha raggiunto, così il giovane ragazzo, spaventato, si è allontanato facendo perdere le sue tracce.

I famigliari del ragazzo raccontano così la vicenda dopo il suo ritrovamento: “È piccolo e a quella età ci si attacca a tutto per attirare l’attenzione soprattutto delle ragazzine. Il bambino ha soltanto fatto credere di aver iniziato un gioco che in realtà non ha mai iniziato. Poi, ieri sera in piazza, resosi conto di quel che stava creando, è scappato per paura delle conseguenze. Non ha provato a salire sul teatro, forse gli altri ragazzi hanno visto delle ombre sull’edificio ed hanno pensato fosse lui con l’intento di buttarsi. Quando si è creato il caos, si è spaventato, si è allontanato dalla folla accompagnato da un amico che ha tentato di proteggerlo da quello che stava succedendo intorno. Purtroppo, hanno pensato bene di allontanarsi con tanto di telefono scarico e questo ha fatto sì che per un po’ di tempo fosse irrintracciabile. Noi ne abbiamo parlato, abbiamo controllato anche il suo cellulare e non vi è traccia che faccia pensare a questo gioco. Lui stesso ha condannato quel game, cosciente della pericolosità dello stesso. Sta già subendo la giusta punizione per questa bravata“.

Mario Barba

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!