Sri Lanka, alluvioni e piogge torrenziali distruggono il Paese: centinaia di morti, migliaia di sfollati

Morte e distruzione in Sri Lanka in conseguenza alle piogge torrenziali che in questi giorni hanno colpito il Paese. Il maltempo, inondazioni e piogge molto violente, ha già causato circa 126 morti ed un centinaio di persone che sono state disperse (96 circa). I fiumi sono straripati, causando dei danni enormi alle case ed ai camp. Il Centro per la gestione dei disastri ha fatto una prima stima delle persone coinvolte dai disastri: almeno 400mila, secondo i calcoli. 

Il disastro che ha colpito lo Sri Lanka è il più grave dal 2003, quando un monsone uccise 250 persone e distrutte 10mila case. Il Paese ha lanciato l’SOS, la situazione sembra peggiorare sempre di più. Così la nazione ha chiesto aiuto alla comunità internazionale per fronteggiare l’emergenza delle piogge torrenziali che nelle ultime 72 ore stanno sistematicamente colpendo il Paese.

Migliaia di persone sono state costrette a lasciare le loro case dopo che il fiume Kalu Ganga è straripato in modo violento. Tantissime le persone finora evacuate, alcune si trovano sui tetti delle abitazioni, mentre la protezione civile con gli elicotteri e la marina con delle barche cerca di portarle in salvo. Colpito, in particolare modo, il distretto di Ratnapura, e le città del capoluogo.