Aurora non ce l’ha fatta: sconfitta dalla leucemia a soli 25 anni, ha coronato il sogno della laurea

Aurora Sommacal non ce l’ha fatta. La giovane di Castion, un piccolo paesino di 4mila abitanti a Belluno, Veneto, è morta dopo la malattia contro la quale stava combattendo da quando è nata. La 25enne soffriva di una malattia rara, una forma di leucemia scoperta quando era ancora neonata e contro la quale aveva strenuamente lotta per 25 anni, fra trasfusioni, operazioni, e la vita normale che si era conquistata nonostante tutto.

La ragazza nonostante le operazioni alle quali si sottoponeva era riuscita a finire il liceo scientifico Galilei, e anche dopo le superiori aveva coronato il sogno di laurearsi in psicologia all’università di Trieste. Con grande coraggio assieme alla famiglia aveva affrontato questa difficile prova, ma alla fine si è spenta, nella notte fra mercoledì e giovedì, all’ospedale di Padova. La ragazza lascia madre, padre, un fratello ed una sorella più piccola.

Aveva illuminato la vita della sua famiglia,  sorridendo sempre nonostante una difficile malattia che, lei sapeva, le dava ben poche speranze. Avevano deciso di giocarsi il tutto per tutto con una difficile operazione chirurgica che ha affrontato, sperando di poter tornare ad una vita normale. Alla fine, la malattia ha vinto. Ma Aurora ha vissuto, e quel che conta, ha dato qualità alla sua vita e a quella di chi le stava accanto.

Roversi Mariagrazia