La musulmana moderata: “Il PD è molto vicino all’Islam estremista”. E il PD la denuncia

Il PD ha denunciato per diffamazione Maryan Ismail, antropologa, simbolo in Italia della reale presenza dei musulmani moderati, coloro che non vogliono che l’Islam oscurantista possa infiltrarsi fino nella politica come avviene in alcuni Paesi nordafricani – Egitto in primis -. La donna si è dimessa dal Partito Democratico l’anno scorso, perché, aveva detto, il PD preferiva avere a che fare con l’Islam oscurantista piuttosto che con quello progressista, da lei rappresentato.

Ismail sarebbe colpevole di aver presentato assieme al politico Matteo Forte un dossier dal nome “PD e islamismo politico: un rapporto non occasionale” durante una conferenza a Palazzo Marino. Nel documento si sottolineava l’esistenza di un rapporto ambiguo fra i Fratelli Musulmani o comunque l’islam politico ed il Partito Democratico. Due esempi: la consigliera comunale Sumaya Abdel Qader, eletta nel PD, che nel 2012 sosteneva la causa di suo cugino, che era detenuto nelle carceri in Israele e che era connesso ai Fratelli Musulmani. Il marito di Qader era finito nel mirino per aver scritto su FB che ‘Israele è un errore storico, politico’ che doveva essere ‘cancellato’.

E poi Samer Al Barq, un personaggio molto controverso in quanto il suo nome compare in un rapporto del Senato USA, “in relazione all’utilizzo di antrace da parte di Al Qaeda e ad attività qaediste in Pakistan”.
Ismail e Forte hanno più volte sottolineato di non volere dimissioni e neppure di voler creare un caso politico. Ma ha anche detto: “Non chiedo di rispondere per le colpe dei parenti né di dimettersi; chiedo al Pd di prendere una posizione”. La risposta del PD alla domanda di chiarezza è stata una duplice denuncia per digradazione.

Roversi Mariagrazia