Neonato morto a Torino, la madre confessa: “L’ho gettato dalla finestra appena nato”

Ieri pomeriggio è stato trovato a Settimo Torinese, provincia di Torino, un piccolo fagotto insanguinato. Un operaio di 21 anni che stava tornando dal lavoro lo ha visto a terra ed ha aperto il fagotto: era un bambino neonato, con una brutta ferita in testa.Ho visto qualcosa in mezzo alla strada e mi sono fermato, era agonizzante ma respirava ancora” ha detto il ragazzo, che ha subito chiamato due netturbini per farsi aiutare. “Mi hanno buttato giù delle tovaglie e l’ho avvolto”. Il bambino reagiva.“Urlavamo chiedendo aiuto. È stato sconvolgente. Speravamo tutti di potergli salvare la vita” ha detto il netturbino che ha soccorso il piccolo.

“Poi sono arrivati i carabinieri e l’ambulanza, lo hanno intubato e se lo sono portati via” ha detto il 21enne che ha trovato il neonato. Il bambino, ricoverato urgentemente al Regina Margherita a Torino, non ce l’ha fatta: è morto. La madre oggi ha confessato. Si tratta di un’italiana di 34 anni, che abita nel quartiere e che ha confessato di aver gettato il bambino dalla finestra quando era appena nato.

La donna è stata interrogata tutta la notte. I suoi familiari erano all’oscuro dello stato di gravidanza, la donna diceva di non essere incinta a tutti. Per ora la donna è sottoposta a fermo di indiziato di delitto, e le viene contestato l’omicidio aggravato. Al momento non sembra che nell’omicidio ci sia la responsabilità di altre persone.