La storia di Jacob, nato con metà cuore: per la prima volta respira senza le macchine

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:30

Jacob è un bambino piccolo, ha solo un mese di vita ma ne ha già passate tante e soprattutto ha già rischiato di morire, a causa di una grave sindrome congenita che lo rende obbligato a stare attaccato alle macchine. Il piccolino è nato solamente con metà cuore. La sua sindrome assume il nome scientifico di sindrome del cuore sinistro ipoplasico, quando quindi metà di questo fondamentale muscolo non si sviluppa correttamente.

Quindi il cuore del piccolo Jacob fino ad ora ha avuto bisogno di aiuto per battere, dato che per metà non funzionava. Però adesso, ad un mese dalla nascita, Jacob è riuscito a vivere anche senza la macchina. Infatti a un mese dalla sua venuta al mondo il suo cuore ha battuto per la prima volta senza bisogno di alcun macchinario. 

La madre Stephanie, come racconta anche Mirror, ha detto della sua epopea tragica. A soli 27 anni ed incinta, alla 20esima settimana di gravidanza ha visto arrivare il terribile responso: il bambino soffriva della sindrome del cuore sinistro ipoplasico. Ma la donna non si arrende, lotta con suo figlio, non lo scarta e lo fa nascere. Alla nascita Jacob viene sottoposto a diversi interventi ed anche ad un’operazione al cuore dei 20 ore. Ma c’è la fatta, ed oggi il suo cuore batte da solo per la prima volta. “È stato il momento più emozionante della mia vita” ha detto la sua mamma. 

Roversi Mariagrazia

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!