Zaia pubblica foto con calciatore di colore. La rete insorge: “Sembra un profugo, vergogna”

Il presidente del Veneto, Luca Zaia, posta una foto nella quale è accanto ad Isaac Donkor, giocatore di colore dell’Inter in prestito al Cesena, e sulla rete si scatena l’indignazione.

Sono ore concitate, per il presidente leghista, che ha dovuto serrare i ranghi contro la pioggia di insulti piovutagli addosso per quello scatto ritenuto non accettabile: “Ma ‘sto qua è appena arrivato con il barcone dall’Africa, altro che Inter”. “Pur di vincere arriverà il giorno in cui andrete a elemosinare voti a loro”. “Pare un profugo, perdi punti”. Questo il tenore dei commenti ricevuti.

Inattesa la risposta del governatore: “”Caro, il Veneto, che amministro, ha 517mila immigrati regolari, gente perbene. Siamo la terza regione in Italia per numero di immigrati. Chi viene qui con un progetto di vita e sposa i nostri valori è benvenuto. Per gli altri tolleranza zero. Spero di essere stato chiaro”.

Ma non finisce qui. Interpellato dall’Ansa, Zaia si è spinto ancora oltre, criticando quelli che ha definito ‘i leoni da tastiera’. “I social network sono un festival dell’incoerenza- ha concluso- la gente che scrive queste cose è la stessa che non sa usare l’italiano. Gli utenti si dividono in tre categorie: la prima è quella dei distratti che commentano a prescindere, vedendo un uomo di colore; la seconda è di quelli che fanno la morale al leghista puntando sulla dietrologia; la terza, più disgustosa, è quella dei razzisti”.

L’ultima parola sullo spiacevole incidente arriva dal diretto interessato, Isaac Donkor. Il 23enne originario del Ghana, in Italia dal 2003, è ormai cittadino italiano. La sua famiglia vive nel trevigiano e lavora in un mobilificio della zona: “Ci sono abituato e non ci faccio più caso. Se non rispondo è perchè non vale la pena sprecare energie per certa gente. Non rovineranno il mio ritorno a casa per le vacanze, perchè è da qui che vengo”