Lascia le figlie chiuse in auto per 15 ore, morte entrambe: madre orco arrestata

Madre orco in Texas
Madre orco in Texas

Ha lasciato le figlie di uno e due anni chiuse dentro ad un’automobile per oltre 15 ore, provocandone la morte. E’ agghiacciante quanto avvenuto in Texas forse per incoscienza o forse per lucida crudeltà da una 19enne madre di due bambine, incriminata per abbandono e messa in pericolo delle due bambine, accusa che è stata poi commutata in omicidio dopo la morte delle piccole. Come dichiarato da Hierholzer, sceriffo della contea di Kerr, si tratta senza ombra di dubbio del caso più terribile di violenza su minori che abbia visto in 37 anni di carriera; a renderlo incredibilmente crudele non vi è solo l’abbandono delle bambine nel veicolo ma anche le ragioni per le quali Amanda Hawkins, loro madre, lo ha fatto, ovvero andare a divertirsi con gli amici.

 

L’episodio risale a martedì scorso quando la Hawkins ha deciso di trascorrere la serata insieme ad un 16enne ed altri amici nella casa di alcuni vicini; anzichè affidare le bambine ad una baby sitter però ha chiuso Brynn Hawkins, di un anno, e Addyson Overgard-Eddy, di due in un’auto che, con le prime luci del giorno ha cominciato a riscaldarsi sempre più. Nonostante le segnalazioni di alcuni amici, che le avevano detto di aver visto le piccole lamentarsi e piangere, la ragazza non ha mai lasciato la festa per andare da loro e dato che il marito non Isaac non era presente, le bimbe hanno trascorso ben 15 ore consecutive chiuse nel veicolo.

 

A mezzogiorno del mercoledì, quando la temperatura esterna aveva ampiamente superato i 30 gradi, Amanda è tornata alla macchina trovandole in stato di incoscienza ma anzichè portarle in ospedale è tornata a casa; solo il giorno seguente l’amico 16enne l’ha convinta a portarle al pronto soccorso, quando però era troppo tardi. Le bimbe erano in condizioni gravissime e dal Centro medico regionale Peterson di Kerrsville, dove la ragazza le ha portate, sono state trasferite all‘ospedale universitario di San Antonio dove sono entrambe decedute poco dopo. Ai medici Amanda aveva detto che le bimbe si erano sentite male dopo aver odorato alcuni fiori ma durante l’interrogatorio della polizia è crollata rivelando la verità. Il giudice aveva fissato inizialmente una cauzione di 70mila dollari ma dopo la morte delle piccole la donna è stata incriminata per omicidio e rischia di dover scontare molti anni in carcere.

D.O.