Cittadini in piazza per i migranti: il sindaco si segna i loro nomi. “Li ospitate tutti voi”

Strano avvenimento ad Inzago, piccolo paese di Milano. La popolazione domenica scorsa era accorsa in piazza per fare una manifestazione a favore dell’accoglienza degli immigrati: sarebbero state qualche decina di persone che sono scese in piazza per l’accoglienza, e per convincere il sindaco ad accettare la ripartizione dei migranti così come decisa dalla Prefettura di Milano, dopo che Fumagalli si era espresso ‘prima per i cittadini di Inzago’.

Ma il sindaco di Inzago, Andrea Fumagalli della Lega Nord, non è per nulla d’accordo.
Fumagalli si è detto pronto ad aprire le porte del comune ai migranti, ma ad una precisa condizione: che siano proprio coloro che sono scesi in strada per l’accoglienza ad accogliere queste persone nelle loro abitazioni. A tale scopo Fumagalli si è segnato nome e cognome del gruppo di cittadini che era sceso in strada per l’accoglienza.

Per loro nessuno è straniero? Bene, che siano coerenti e se li prendano loro” è l’opinione lapidaria del sindaco.
“Se e quando dovesse arrivare la richiesta della Prefettura di ospitare migranti, come prima cosa convocherò uno ad uno coloro che hanno manifestato. Se non sbaglio qualcuno di loro ha anche appartamenti liberi, in ogni caso gli chiederò di mettere a disposizione i propri immobili firmando un documento in prefettura. Hanno la possibilità di dimostrare coerenza e mettere in pratica ciò in cui credono. Se hanno spazi, li ospiteranno loro” ha detto Fumagalli.
Che ne pensate?

Roversi Mariagrazia