Movimento 5 Stelle: “No a Ius Soli. L’UE ha trasformato l’Italia in un enorme campo profughi”

Il Movimento 5 Stelle, che sulla legge dello Ius Soli ha mantenuto una posizione quanto meno ambigua, torna a criticare la disposizione e avanza anche una proposta alternativa, quella di un ‘sistema di asilo comune’ a tutta l’Unione Europea. Sul blog di Beppe Grillo si legge: “Chiediamo che lo stesso dibattito avvenga per la cittadinanza parallelamente all’unica riforma che serve subito all’Italia: la cancellazione del Regolamento di Dublino, un accordo illegale che ha trasformato l’Italia nel campo profughi d’Europa”.

Ma che posizione ha – esattamente – il M5S nei confronti dello Ius Soli? In realtà il partito pentastellato non è contrario alla legge, ma vuole che assieme alla cittadinanza italiana venga concessa quella europea. “La riforma dello ius soli è una sòla. Concedere la cittadinanza italiana significa concedere anche la cittadinanza europea. Un tema così delicato (…) deve essere preceduto da una discussione e una concertazione a livello europeo. Bisogna trovare regole uniformi perché la cittadinanza di un Paese dell’Unione coincide con quella europea” si legge sul blog.

Eppure il movimento torna ad attaccare, poco dopo, lo ius soli: “Lo ius soli non esiste in nessuno Paese europeo” e “in Olanda, Francia, Belgio, Portogallo e Spagna, come in l’Italia, si applica sostanzialmente uno ius sanguinis con alcuni correttivi e lo ius soli è debole”.
Una posizione ambigua che non aiuta nel dibattito politico.

Roversi Mariagrazia