“Non puoi venire alla cena di classe”, la denuncia di una ragazza disabile

Un freddo messaggio su WhatsApp, per comunicarle che la sua presenza a cena non era gradita. Motivo? La sua disabilità.

Sta riscuotendo molta indignazione il fatto accaduto a Parma, dove una studentessa di seconda superiore si è vista recapitare sul proprio cellulare un messaggio delle compagne che la ‘invitavano’ a non presenziare alla cena di classe perchè avrebbe dovuto essere accompagnata da un genitore.

La ragazza ha provato a venire incontro alle compagne, dicendo di non preoccuparsi dato che i genitori sarebbero rimasti in disparte. Apriti cielo: le ‘amiche’ della povera ragazza hanno risposto con messaggi ancora peggiori.

A riportare l’accaduto è la Gazzetta di Parma, che sottolinea come i genitori abbiano deciso di denunciare il fatto alla Polizia Postale e al Provveditore, senza però ricevere alcuna risposta. Per questo si sono rivolti ai media: “Siamo increduli e disgustati – hanno detto la mamma e il papà della ragazza – Nella chat c’è una escalation di accuse, una cattiveria ingiusta e gratuita che sicuramente ha avuto inizio ben prima della fine della scuola”.

L’istituto scolastico ha fatto sapere che comprende la preoccupazione dei genitori, ma è impossibilitato a prendere provvedimenti perchè tutti gli alunni – tranne ovviamente quelli delle classi quinte, impegnati negli esami – sono fuori da scuola, con voti e scrutini già decisi.