Messico, un’antica torre composta da teschi umani ritrovata a Città del Messico

Un’antica torre di teschi umani è stata portata alla luce a Città del Messico; una scoperta che secondo i ricercatori solleverebbe nuove domande riguardo la cultura del sacrificio nell’impero azteco.

Gli archeologi hanno scoperto i 676 teschi incassati in una torre vicino al sito di Templo Mayor, uno dei templi principali di Tenochtitlan, capitale azteca che più tardi diventerà Città del Messico.

Ciò che rende macabra la scoperta è che la torre include i crani di donne e bambini.

Rodrigo Bolanos, antropologo, afferma che: “Ci aspettavamo di trovare solamente uomini, giovani uomini, come un guerriero dovrebbe essere, e non ci saremmo mai aspettati di scoprire che anche donne e bambini venivano utilizzati in guerra“.

La torre fu pensata per essere parte del “Huey Tzompantli“, una vasta schiera di crani destinata a mettere in guardia gli invasori conquistatori che alla fine hanno portato alla caduta dell’Impero Azteco nel XVI secolo.

Gli archeologi, che hanno iniziato lo scavo nel 2015, devono ancora raggiungere la base della torre, che misura circa sei metri di diametro, quindi il numero di teschi presenti sul sito è destinato ad aumentare.

Mario Barba