Barman italiano ucciso a Valencia, il movente potrebbe essere sentimentale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:17

Marcello Cenci era uno dei tanti ragazzi italiani che per trovare un’occupazione era dovuto emigrare fuori dal suo paese . Da qualche mese, infatti, aveva lasciato Ferrara ed era diventato il barman di uno dei locali notturni di Valencia, un lavoro onesto e ben pagato che gli aveva permesso di costruirsi una nuova vita nella bella città dell’Andalucia. L’altra notte, però, non si è recato a lavoro e non ha avvisato nessuno della sua assenza, così, il suo titolare ha inviato un collega per avere notizie del suo dipendente. Al suo arrivo nell’appartamento di Marcello, questo ha trovato la porta socchiusa e si è addentrato chiamando il collega, entrato nella camera da letto si è trovato di fronte ad una scena scioccante: Marcello era disteso sul letto privo di sensi e con segni di aggressione su tutto il corpo.

L’uomo ha chiamato subito i soccorsi e poco dopo nell’appartamento di Marcello sono arrivati i poliziotti ed i medici del pronto soccorso. Al loro arrivo per Marcello non c’era nulla da fare, qualcuno lo aveva aggredito ed ucciso strangolandolo. La polizia di Valencia ha aperto un caso e diramato un ordine di cattura internazionale: il primo sospetto è un suo vecchio amico di Marcello (anche lui nativo di Ferrara) che negli ultimi mesi lo aveva aggredito davanti a diversi testimoni per questioni sentimentali.

Il sospetto è stato fermato nei pressi di Ventimiglia (Liguria) ed è stato condotto in centrale per un interrogatorio. Pare che tra i due, amici sin dai tempi del liceo, fossero nate delle divergenze legate alla gelosia: Marcello interessava ad una ragazza di cui il sospetto si era invaghito da tempo e questo gli aveva creato un forte rancore.

F.S.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!