Violenta scossa di magnitudo 5.0 registrata dall’INGV

Continua a tremare la terra in questi primi giorni d’estate. dopo il violento sisma che ha fatto tremare la Svizzera nella mattinata di ieri, oggi  è toccato alla Macedonia: l‘Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) di Roma ha, infatti, registrato un violento sisma con magnitudo 5.0. La scossa si è verificata alle 11:18 ora locale ( 13:18 ora italiana) ed è stata avvertita in un raggio di 30 chilometri, probabilmente anche a causa dell’origine superficiale del sisma (l’ipocentro è stato localizzato a 10 chilometri di profondità.

Secondo quanto riportato dalle agenzia di stampa locali, per il momento non sono stati registrati danni a cose o persone. Si è, dunque, trattato solo di un forte spavento per la popolazione macedone, il terremoto è stato avvertito in maniera sensibile sia a Tirana che a Valona ed un leggero tremore è stato avvertito anche sulla costa salentina a Lecce e Brindisi. L’ultimo terremoto di grossa entità in Macedonia era stato registrato il 14 maggio scorso, in quella occasione la magnitudo era leggermente più bassa (4.2) ed anche in quel caso non si sono verificati danni strutturali o vittime. il terremoto più forte della storia recente in Macedonia è quello di Skopje del 1963: una scossa di magnitudo 6.1 della durata di 20 secondi ha letteralmente raso al suolo la città causando  migliaia di vittime.

F.S.