Bill Gates si esprime sulla questione migranti: “La UE dovrebbe rendere più difficile arrivare in Europa”

Il fondatore di Microsoft, nonché uno degli uomini più ricchi al mondo, Bill Gates si è dichiarato contrario alle attuali politiche europee sull’emergenza migranti: “La Ue deve rendere più difficile per gli africani raggiungere l’Europa attraverso le attuali rotte di passaggio“.

L’anno scorso, invece, il filantropo americano durante un’intervista al giornale tedesco Welt am Sonntag, si era detto entusiasta dell’apertura di Berlino nei confronti dei richiedenti asilo.

A distanza di un anno ha completamente cambiato idea e adesso afferma che: “Da una parte tu puoi mostrare generosità e accogliere i rifugiati, ma più sei generoso, più il mondo se ne accorgerà e alla fine questo motiverà più persone a lasciare l’Africa. La tumultuosa crescita demografica in Africa diventerà un’enorme pressione migratoria sull’Europa, a meno che gli Stati decidano di aumentare in modo consistente gli aiuti allo sviluppo alle terre d’oltremare“.

Nonostante la fondazione Bill & Melinda Gates Foundation’ abbia in un anno speso 5,1 miliardi di dollari per progetti sanitari, sociali, sostegno all’agricoltura e formazione professionale nelle aree sottosviluppate del mondo, Bill Gates dovrebbe essere a conoscenza delle difficoltà che risiedono nell’aiuto in loco di queste persone, molte delle quali fuggono da Paesi nei quali vi è una costante guerra civile e in regimi totalitari che non permettono un progresso civile e umanitario.

Mario Barba