Guerra in Yemen: il raid non c’è, ma la guerra è terribilmente vera

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:05

Circola da giorni una notizia che proviene da uno degli scenari più drammatici del nostro tempo. Non è la Siria, non è l’Iraq, ma è lo Yemen. Scivolato, impietosamente, al fondo degli interessi dei grandi mezzi d’informazione occidentali. La notizia, che non trova riscontro in nessuna delle maggiori testate giornalistiche internazionali, sosterrebbe che un recente raid americano avrebbe causato la morte di una decina di persone, tra le quali donne e bambini. Ma, di questa notizia, non si riescono a comprendere i dettagli. Non la località, appare nelle poche veline trattanti l’argomento, nè la data precisa in cui sarebbe avvenuto.

Eppure, quella in Yemen, è una guerra che, assieme a quella di Aleppo e di Mosul, fa di Taiz una delle città più martoriate del pianeta. Lo studio condotto dal Comitato Internazionale della Croce Rossa dal titolo “I Saw My City Die” (“Ho visto la mia città morire”) rivela che, solo tra questi tre Paesi, il numero complessivo dei rifugiati superi l’esorbitante cifra di 17,5 milioni. Assieme ad essi, si stima anche che il numero complessivo di tutte le morti di civili avvenute sul pianeta sia per due terzi di origine irachena, siriana e yemenita. I tre Paesi, ormai stremati da conflitti spaventosi per intensità di combattimenti, quantità e varietà di armi utilizzate. I numeri dei morti e degli sfollati raggiunto ricordano- fanno notare nel report- drammaticamente i numeri raggiunti durante le Seconda Guerra Mondiale.

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!