Rom insegnava ‘l’arte del borseggio in metropolitana’ ai bambini: condannata a 11 anni

È stata infine catturata e condannata ad undici anni di galera la rom che insegnava ai bambini come si rubava in maniera efficace. La donna rom, Mensura Hrustic, di origine bosniaca, viveva nel campo nomadi di Baranzate, e a soli 31 era diventata una sorta di ‘punto di riferimento’ per tutti i bambini rom che venivamo appositamente mandati da lei per imparare l’arte del borseggio.

La donna ha commesso una lunga serie di reati, inventandosi circa 36 nomi differenti per cercare di sfuggire alle maglie della giustizia. I bambini che le venivano affidati erano maschi e femmine da 11 a 16 anni. Il suo compito era quello di accompagnarli lungo le metropolitane di Milano o Roma, nelle ore di punta, a fare una vera e propria ‘pratica del borseggio’ nei luoghi turistici di maggiore afflusso. Insegnava quali erano i migliori obbiettivi, gli stranieri, e quali erano gli oggetti di valore ai quali puntare.

Anziani, turisti, specialmente cinesi e giapponesi. Ma non solo. La donna si è vista notificare un ordine di carcerazione nuovo: la aspettano in tutto 11 anni 9 mesi e 8 giorni di galera, a causa di una serie di furti messi a segno tra il 2002 e il 2014.
La donna aveva iniziato a delinquere quando aveva solamente 16 anni e da quel momento non aveva più smesso, ma soprattutto insegnava l’arte del borseggio ad altri piccoli futuri ladri dall’infanzia rubata.

Roversi MG.