New York, aeroporto JFK bloccato da invasione di tartarughe: “E’ la loro migrazione annuale”

Circa una quarantina di tartarughe hanno invaso la pista di atterraggio e decollo dell’aeroporto JFK di New York causando ritardi per alcuni voli.

Le piccole testuggini sono sbucate fuori dalle acque della Jamaica Bay, che si trova lì nei pressi, per quella che è la loro annuale migrazione, generalmente attesa fra il mese di giugno e la metà di luglio. Gli esemplari, appartenenti alle tartarughe diamantine, sono stati messi in salvo dalle autorità della struttura e portate in aree più sicure. Intanto, a causa dell’imprevisto, un portavoce della Port Authority ha detto al Daily News che alcuni aerei sono rimasti “brevemente bloccati in coda”, nell’attesa che gli animali fossero tratti in salvo.

Nessuna lamentela da parte dei passeggeri, che hanno dimostrato di gradire l’intoppo e di essere molto più inclini alla comprensione nel caso in cui i disagi siano causati da animali e non dagli esseri umani.